Studio Dentistico
Dott. Andrea Dobbiani

I dentisti approdano a scuola, visite gratuite a 200 bambini

Il dentista entra a scuola. Importante progetto integrato di educazione alla salute, quello scaturito dalla sinergia fra l’amministrazione Comunale di Gradisca, gli odontoiatri presenti sul territorio comunale e l’istituto comprensivo della Torre. Con il prestigioso placet dell’Organizzazione mondiale della Sanità, e per ben cinque anni, i 200 bambini della scuola primaria “Dante Alighieri” saranno al centro dell’iniziativa “Sorridiamo a Gradisca”.
Un’iniziativa che vanta ben pochi precedenti in Italia: e che garantirà sino al 2015 ai giovanissimi alunni una visita odontoiatrica gratuita nei locali della scuola e un costante monitoraggio della loro salute, permettendo loro di prevenire le più comuni patologie dentarie. Un gruppo di odontoiatri operanti a Gradisca si è messo a disposizione prestando la propria opera gratuita e secondo un programma condiviso cui parteciperanno i bambini che avranno consegnato un consenso informato sottoscritto dai genitori. Oltre alla visita odontoiatrica, in classe si svolgeranno lezioni con odontoiatri ed igieniste dentali, per comprendere il valore della prevezione, di una corretta igiene oro-dentale, di una corretta alimentazione. Al termine dello screening ogni bimbo vedrà compilata una propria cartella clinica ed anamnestica con una risposta diagnostica da consegnare ai genitori. Seconda parte del progetto è quella della sigillatura dei denti: lo “spennellamento” dei primi molari con una resina atossica dai 6 anni in su, con successivi controlli che garantiscono la resistenza alla carie nell’età di maggiore rischio. «La disponibilità degli odontoiatri, della scuola e della stessa amministrazione è un segnale molto importante per la promozione di una cultura della salute direttamente negli spazi educativi per eccellenza, quelli della scuola – spiegano l’assessore alla Sanità Giuseppe Latella e quello all’Istruzione, Linda Tomasinsig -. Possiamo dimostrare che mettendoci a rete si possono ottenere risultati concreti e nel lungo periodo». Le modalità di Sorridiamo a Gradisca saranno presentate ufficialmente in tutte le sue fasi giovedì 17 febbraio alle 18 nella sala del consiglio comunale di palazzo Torriani. Ove saranno presenti oltre agli odontoiatri aderenti all’iniziativa (Dobbiani, Casciaro, Gregorig, Seculin, Visintin), il prof. Di Lenarda, primario della Clinica odontoiatrica e protesi dentaria dell’Università di Trieste, il dirigente scolastico dell’istituto comprensivo “della Torre”, Prof. Lusnig e la rappresentante del Centro di collaborazione all’Organizzazione mondiale della Sanità di Milano, Prof. Strohmenger. «Oggi il 20% dei bambini di età di 4 anni presenta carie e a 12 anni l’incidenza sale al 44% - spiega una delle anime del progetto, il dott.Andrea Dobbiani - Il progetto ha lo scopo di contribuire al raggiungimento degli obiettivi indicati dall’Oms e cioè arrivare all’età di 18 anni senza perdita di denti dovuta a carie o a malattia parodontale». Un’indicazione precisa, questa, delle linee guida nazionali approvate dal Ministero della Salute. Ma la mèta sembra molto lontana. Regioni e le singole aziende sanitarie locali non hanno ancora concepito i servizi odontoiatrici di comunità, se si esclude il modello-Toscana dove è stato investito 1 milione di euro su 40mila bambini.